L’India raccontata dalle sue scrittrici

Sono sempre di più le autrici indiane che vengono tradotte e pubblicate anche in Italia. Si tratta di scrittrici di lingua inglese che, con i loro romanzi e racconti, hanno dato voce a milioni di donne e alle loro storie nascoste e sconosciute, contribuendo a plasmare il paesaggio letterario dell’India contemporanea: per la prima volta, infatti, hanno affrontato in ambito letterario argomenti quali le condizioni di vita delle delle donne e la loro quotidianità, le questioni familiari, le ingiustizie e le disuguaglianze sociali, il femminismo e la lotta al capitalismo.

Ne abbiamo scelte alcune fra le più influenti e apprezzate, le cui opere sono disponibili per il download su MLOL.

Arundhati Roy 3

Arundhati Roy (jeanbaptisteparis – CC BY-SA 2.0 – Wikimedia Commons)

Iniziamo con Arundhati Roy, scrittrice, sceneggiatrice, giornalista, ma soprattutto attivista politica, impegnata nel campo dei diritti umani, a protezione dei più deboli, nella difesa dell’ambiente e contro le politiche economiche e di industrializzazione sfrenata del suo paese. Il romanzo cui deve la sua fama e la sua popolarità (oltre che condanne morali  e contestazioni in patria) e col quale vinse il Booker Prize, è Il dio delle piccole cose, del 1997.  Continua a leggere

Chitra Banerjee Divakaruni − Raccontami una storia speciale

raccontami2
Nel tardo medioevo, nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo e in particolare in Italia, si diffusero raccolte di novelle legate fra loro da una cornice narrativa, da una struttura in cui gli stessi protagonisti del racconto diventano di volta in volta narratori.  Pensiamo al Decameron di Giovanni Boccaccio, alle Novelle di Giovanni Sercambi o all’Avventuroso Ciciliano di Busone da Gubbio, ma anche alle Mille e una notte o al Libro dei sette savi, racconti di origine orientale ma conosciuti anche in occidente.  Continua a leggere