Leggere ebook con Readium

readium1

In uno dei nostri primi post vi avevamo parlato della possibilità di leggere gli ebook su pc tramite il browser. Uno degli strumenti che avevamo presentato era l’estensione epubReader del browser Mozilla Firefox, un ottimo strumento per leggere e organizzare ebook in formato epub privi del DRM Adobe, quindi tutti gli ebook open e gli ebook con social DRM, entrambi presenti in MLOL.
Recentemente però è stato annunciato sia tramite Twitter che con un avviso all’apertura di epubReader che, entro pochi mesi, l’estensione di Firefox per la lettura di ebook cesserà di funzionare in seguito ad importanti modifiche che coinvolgeranno il browser e che impongono la sua completa riscrittura.
epureader_avviso Continua a leggere

Come si ascoltano gli audiolibri in streaming

I contenuti dell’articolo non sono più validi, per la fruizione di audiolibri in streaming tramite MLOL leggere quilibriaudioUno dei primi post di BiblioMediaBlog era stato dedicato agli audiolibri in streaming che,  insieme a quelli in download e agli audiolibri open, rappresentano un’interessante offerta per chi ama leggere ascoltando e/o per chi, a causa di problemi di vista o disturbi dell’apprendimento, ha difficoltà a leggere.

Nell’articolo avevamo dato indicazioni relative alle modalità di ricerca degli audiolibri all’interno di MediaLibraryOnLine  e alla loro fruizione, limitandoci ad accennare alla necessità di installare sul pc il plugin del browser fondamentale alla riproduzione dei file audio, sia che venisse utilizzato Chrome, Internet Explorer o Mozilla.

Da qualche mese però l’unico browser che ancora supporta il plugin Windows Media Player è Mozilla Firefox, un browser open source, quindi libero e gratuito, sviluppato da un’organizzazione non profit. Dato che sempre più siti includono le funzioni precedentemente svolta dai plugin NPAPI, come Windows Media Player e SilverLight, browser commerciali come Chrome e Internet Explorer non hanno alcun vantaggio a sviluppare e mantenere aggiornate queste estensioni meno richieste, col risultato che non è possibile utilizzarle come un tempo (nel nostro caso per l’ascolto di tracce audio).
Continua a leggere